COME COSTRUIRE UN PERGOLATO?

Amante del fai da te, questo è il tuo momento! Se stai leggendo il blog di Luciano di oggi, probabilmente hai un po' di tempo libero e vuoi fare qualcosa di creativo e utile per il tuo giardino. E perché non costruire un bellissimo pergolato per rilassarti all'ombra durante le giornate estive?

Costruire un pergolato potrebbe sembrare un lavoro impegnativo, ma con un po' di pazienza e le giuste istruzioni e precauzioni, può diventare un'esperienza gratificante e divertente. In questo articolo, ti guideremo passo dopo passo nella costruzione del tuo spettacolare pergolato personalizzato:

1. SCELTA DEI MATERIALI

La prima cosa da fare è scegliere il materiale più adatto per la tua struttura. Generalmente, il legno rappresenta la scelta più comune: i pergolati in legno, infatti, sono più semplici da realizzare e si adattano con facilità a diversi spazi e giardini. In questo caso, sarà possibile scegliere di utilizzare del legno di castagno, di pino, oppure multistrato. Indipendentemente dal legno scelto, ricordati che è importante trattarlo periodicamente con dell’impregnante per mantenerlo sempre al meglio. Per trasportare questi ingombranti materiali anche con il tuo compagno di lavoro, potresti pensare di utilizzare una motocarriola elettrica, sempre utile anche per il traporto di legname, terra e altri prodotti da giardinaggio.
Se stavi pensando di utilizzare un'altra tipologia di materiale, tra le opzioni più adatte per la realizzazione di un pergolato ci sono il ferro, il metallo e il PVC.

2. SCELTA DELLA COPERTURA

Anche in questo caso, scegli la soluzione che più si adatta alle tue esigenze: per esempio, puoi decidere di ricoprire la pergola con delle tavolette in legno perlinato e poi rivestirle con delle tegole di terracotta. Oppure, puoi scegliere di utilizzare delle tegole in polimero plastico o, in alternativa, il classico incannucciato. Una soluzione che si adatta al meglio al periodo estivo può essere quella di ricoprire la propria pergola con una tenda che verrà poi smontata al termine della stagione. Ognuno di questi materiali può essere accorciato o tagliato su misura con un semplice utensile multifunzione: basta cambiare le lame e il gioco è fatto!

3. SISTEMA DI ANCORAGGIO

E’ la parte più importante, poiché consente di fissare con accortezza il pergolato al terreno. Per un ancoraggio in grado di perdurare nel tempo, è necessario scavare, per ciascun pilone, una buca profonda una sessantina di centimetri, sistemandovi nel fondo una decina di centimetri di ghiaia. Per un lavoro veloce e efficace, puoi utilizzare una vanga pneumatica, leggera e molto meno faticosa di una tradizionale. Una volta posizionati i piloni, il passo successivo consiste nel chiudere il tutto con del cemento, che puoi mescolare con un trapano miscelatore o con una piccola betoniera elettrica. Per eseguire correttamente questo passaggio, è anche necessario controllare la perpendicolarità e il livello di inserimento nel terreno. In questa parte del lavoro, puoi aiutarti acquistando dei picchetti da piantare direttamente nel terreno, che ti consentiranno di inserirvi il palo al centro, che dovrà poi essere bullonato. In alternativa, puoi fissare alla pavimentazione delle piastre di acciaio con i tasselli fisher. Il martello tassellatore può essere molto utile in questi casi, sia per fissare le piastre che per forare direttamente il legno dove inserire appunto tutta la minuteria del caso.

4. DIMENSIONI

In base allo spazio a tua disposizione, decidi quanto dev’essere grande la copertura del tuo pergolato. Solitamente, le dimensioni variano dai 2x2 metri ai 3x4. Generalmente in commercio troverai dei kit già pronti, disponibili in diverse misure. Se invece desideri costruire un pergolato personalizzato, puoi rivolgerti ad un falegname che realizzerà dei pezzi su misura per te oppure se sei appassionato di macchine per la lavorazione del legno, ti consigliamo di guardare una delle nostre pialle da banco a filo spessore o una combinata.

5. ATTREZZI

È il momento della fase operativa: cosa ti serve per realizzare il tuo pergolato? Metro, martello, viti, chiodi, cacciaviti (o meglio ancora un trapano avvitatore elettrico con delle punte elicoidali, pinze, ganasce da falegname, matita, squadrette da carpentiere e livella.

6. MONTAGGIO

Siamo arrivati alla fase finale del lavoro: a questo punto, dovrai fissare i pali al terreno e realizzare l’intelaiatura del tetto unendo due pali lunghi e due corti, sistemandovi orizzontalmente tutti gli altri. Se hai bisogno di tagliare nuovamente il tuo legno, utilizza una troncatrice per legno e rifiniscilo con una levigatrice. Infine, dovrai sistemarci sopra la copertura prescelta.
Per ottenere un risultato migliore, prima di fissare i piloni al terreno, puoi preparare un piano di base. Il modo più semplice è scegliere di utilizzare delle betonelle, ovvero dei mattoncini in cemento, dallo spessore di 5 centimetri, disponibili in diverse forme e colori.

Conclusione

Insomma, costruire un pergolato richiede impegno e attenzione ai dettagli, ma può trasformarsi in un'esperienza decisamente gratificante per gli amanti del fai da te.
Seguendo i passaggi chiave descritti in questo articolo e personalizzando la struttura con gli elementi decorativi che più preferisci, ti sarà possibile creare un pergolato unico e funzionale, che ti permetterà di rilassarti e goderti al meglio la stagione che sta per arrivare.

Categorie in evidenza

Ultimi articoli

LA LINEA MONTOLIT

Nel blog di Luciano di oggi parliamo di come la linea Montolit si sia affermata nel mondo dell’attrezzatura per piastrellisti garantendo affidabilità, innovazione e una vasta gamma di strumenti di alta qualità progettati per semplificare e migliorare il processo di lavorazione e rifinitura delle piastrelle in ogni ambito d’utilizzo.

Leggi altro...
News

LA PULIZIA DEGLI SPAZI ESTERNI

Mantenere il giardino pulito non è solo una questione di estetica, ma si tratta di un insieme di tecniche fondamentali che coinvolgono aree e strumenti specifici. Nel blog di Luciano di oggi parliamo proprio di questo: dalla cura del prato alla pulizia di scale, superfici esterne e terrazzi; vedremo come tecnica, attenzione e gli strumenti giusti possono contribuire a trasformare il tuo giardino nell’ambiente più bello di casa!

Leggi altro...
News

Commenti (0)

Non ci sono commenti

Nuovo commento

Stai rispondendo ad un commento

Prodotto aggiunto alla lista dei desideri
Prodotto aggiunto al confronto